05Luglio2022

Download Template for Joomla Full premium theme.

Deutschland online bookmaker http://artbetting.de/bet365/ 100% Bonus.

Online bookmaker bet365

‘Sei di Rimini se …’: la community ideata dal bernaldese Marco Eletto nuova frontiera della promozione turistica

“Girano tanti lucani per il mondo, ma nessuno li vede, non sono esibizionisti. Il lucano, più di ogni altro popolo, vive bene all’ombra. Dove arriva fa il nido, non mette in subbuglio il vicinato con le minacce o con le rivendicazioni”. La meravigliosa descrizione che il poeta Sinisgalli fa degli abitanti della Basilicata è un canto alla gente di Lucania in giro per il mondo: riservatezza e rispetto, tuttavia, non sono sinonimi di anonimato e tanti sono i lucani che nel mondo si contraddistinguono per le loro idee brillanti e per la loro grande attitudine al lavoro così da finire spesso sotto la lente di ingrandimento per i loro straordinari risultati.
Tra questi lucani di successo, nelle ultime settimane è balzato alla cronaca della Romagna il bernaldese Marco Eletto, padre della creatura “Sei di Rimini se”, della pagina facebook “Sei di Rimini se...Ami Rimini” e del sito internet www.seidiriminise.it, portale nato quasi per gioco e diventato in breve tempo un’autentica pietra miliare della comunità riminese che, attraverso questo strumento interattivo, ha riscoperto le proprie radici e apprezzato una volta in più le straordinarie bellezze del proprio territorio. “Il nostro obiettivo più ambizioso è quello di effettuare esclusivamente una promozione positiva del territorio - racconta Marco Eletto - In molti ci contestano la volontà di scrivere solo le cose belle di Rimini e dintorni: ebbene si, è proprio quello che vogliamo fare, al di là di ogni strumentalizzazione politica o di altro genere. Attraverso la community di “Sei di Rimini se” siamo riusciti a coinvolgere un numero amplissimo di gente, anche esterna alla Romagna, che sta scoprendo le bellezze di una terra meravigliosa”. Il progetto del professionista berlandese in breve tempo è diventato un punto nevralgico nel percorso di promozione della Romagna, stringendo addirittura importanti collaborazioni in Russia e in alcune città d’Europa con il fine di promuovere il territorio della Riviera, raggiunto quotidianamente da turisti provenienti da tutto il mondo che, attraverso i contenuti del sito, dei social e dell’app gratuita, si approcciano e conoscono sin nei dettagli le bellezze di questi luoghi incantevoli. In questi mesi, poi, tante le iniziative sociali che hanno coinvolto gli utenti: dai tornei di beach volley alla vendita di braccialetti per una casa di accoglienza per giovani mamme, passando per gli eventi benefici in occasione del Natale, tutti elementi che permettono alla community creata da Marco Eletto di vivere al di là del mondo virtuale.

Come è nato questo ambizioso progetto web che ti ha visto grande protagonista in Romagna?

Il progetto nasce da un’idea di promozione turistica: abbiamo deciso di cavalcare questa tendenza che si è sviluppata sui social e di coniugarla con le enormi potenzialità del web. Tutto è nato per gioco e in pochi giorni abbiamo raggiunto un numero impressionante di utenti iscritti (oltre seimila): questa grande attenzione nei nostri confronti ci ha permesso di ampliare continuamente il nostro lavoro.
Io, lucano da vent’anni in Romagna, ho creato questo gruppo per scoprire le bellezze di questo territorio attraverso le condivisioni di chi ci vive da sempre.
In questo modo si impara a conoscere e visitare questi posti straordinari: io occupo il ruolo di moderatore e, con i miei interventi, cerco di conservare per questa community il senso di promozione sociale da cui è nata ed evitare che diventi una sorta di sfogatoio per i naviganti dei social.

Non per altro il nome della pagina è “Sei di Rimini Se...Ami Rimini”: da qui è nato ufficialmente il nostro progetto commerciale di coinvolgimento e promozione della città.

La cosa forse più curiosa di questo progetto è che è stato proprio un lucano a riaccendere la passione dei riminesi per la loro città. Come ti spieghi questo fenomeno?

Credo che la nostra forza sia stata la moderazione: curando nei minimi dettagli la parte contenutistica e facendo scoprire agli stessi riminesi alcuni posti e tradizioni addirittura per loro sconosciuti, abbiamo creato un legame intenso con gli utenti, rivolgendoci non solo ai riminesi doc, ma soprattutto ai turisti e creando un vero e proprio punto di riferimento nella promozione del territorio.
Tra pagina e gruppo abbiamo raggiunto un numero impressionante di quasi quarantamila persone che orbitano attorno a questo progetto e che condividono la nostra idea di promuovere il bello, senza alcun post politico e senza linguaggi scurrili. Non è stato facile raggiungere questi risultati: soprattutto all’inizio non nascondo di essere stato oggetto di razzismo da parte di alcuni utenti che non accettavano di buon grado la mia provenienza anagrafica e, allo stesso tempo, il mio ruolo di promotore della Romagna. Tutto si è poi risolto con grande maturità e i risultati oggi sono sotto gli occhi di tutti...

Il portale web www.seidiriminise.it e l’app permettono un contatto diretto tra utenti e principali attività commerciali del territorio ed è prevista una fidelity card per tutti i membri della community. Anche qui c’è lo zampino geniale di Marco Eletto?

Moderare un ambiente social con tantissimi iscritti non è cosa facile e spesso nel gruppo venivano inserite promozioni pubblicitarie da parte delle varie attività commerciali che stonavano con le finalità del nostro progetto. Così abbiamo deciso di dedicare spazio a queste attività economiche attraverso un percorso razionalizzato di coinvolgimento e di sponsorizzazione dei loro prodotti: abbiamo creato l’app ‘Sei di Rimini se …’ legata a queste attività in cambio di tariffe di sconto per i membri del portale. Attraverso un piccolo investimento e con la nostra collaborazione, i commercianti e gli imprenditori locali hanno potuto dar vita ad un importante circolo virtuoso che fa bene a tutti.
Tutte queste novità, frutto di due anni di intenso lavoro da parte mia e del mio entourage, hanno risvegliato l’interesse dei maggiori media locali sia web che cartacei, sorpresi da come si sviluppa e continua a crescere il nostro progetto.

Quali legami conservi con la tua terra d’origine?

Ho lasciato la Basilicata e Bernalda a diciotto anni per venire qui al Nord e mi sono subito innamorato di Rimini, del mare e delle tante opportunità che questa terra offre. Naturalmente, ho conservato un rapporto viscerale con Bernalda, con i miei amici e con la mia famiglia, un rapporto autentico e meraviglioso che continuo a coltivare grazie al grande amore che nutro per la mia terra d’origine. Spero nei prossimi anni di poter promuovere anche per la Lucania alcuni importanti progetti in campo turistico.

Il progetto “Sei di Rimini” è un modello di promozione turistica che a tuo parere può essere esteso a livello nazionale?

Con questo tipo di progetto è possibile definire un nuovo modello di vacanze tramite il web: la gente attualmente, prima di spostarsi, credo abbia bisogno di conoscere il luogo verso cui intende dirigersi e scoprirne bellezze e peculiarità chiedendo informazioni direttamente ai residenti che ogni giorno vivono il territorio. Quale migliore promozione territoriale se non quella attuata dai residenti?
Anche per questo motivo oltre alle proposte commerciali, il nostro portale ha una cura maniacale per la storia, le opere d’arte e le straordinarie perle artistiche dislocate sul territorio.

Andrea Cignarale