30Gennaio2023

Download Template for Joomla Full premium theme.

Deutschland online bookmaker http://artbetting.de/bet365/ 100% Bonus.

Online bookmaker bet365

'La Stella dell'ambiente non brilla ancora', ma Verri difende l'operato del M5S a Pisticci

“Al sindaco Viviana Verri chiediamo dove è l’opposizione alla concessione petrolifera San Teodoro”. La domanda è dell’associazione “No Scorie” presieduta da Felice Santarcangelo, tornata nuovamente sulla richiesta di proroga avanzata dalla Canoel Italia al ministero dello Sviluppo Economico, per la concessione di coltivazione denominata “San Teodoro”, ubicata tra Marconia e Bernalda. “Ad oggi – recita una nota a firma di Santarcangelo - non ci risulta pubblicato alcun atto nell’albo pretorio online” sul sito del Comune di Pisticci “contro la proroga della concessione, salvo errori. Avevamo chiesto già a gennaio 2017 ai sindaci di Pisticci e Bernalda di opporsi nelle sedi opportune alla proroga della suddetta concessione, lo abbiamo ripetuto con insistenza a febbraio, quando il sindaco di Pisticci si affrettò a rispondere che la posizione del suo Comune in merito ad un’eventuale proroga era assolutamente negativa. A circa cinque mesi dalla sua dichiarazione, però, consultando l’albo pretorio online non vi è alcun riscontro di atti contro la proroga della concessione da parte del Comune Pisticci. Se le priorità per il sindaco al momento erano altre, ha avuto tutto il tempo che voleva per formulare con atti pubblici un’opposizione che sull’albo pretorio non vediamo. La precedente Amministrazione guidata da Vito Di Trani, a suo tempo, non esitò a riunire la sua assise quando fu sollecitata ad interessarsi al progetto Geogastock in agro di Pisticci e diede subito il suo parere”. Santarcangelo ha poi concluso con le sue personali considerazioni: “Una stella del Movimento 5 Stelle dovrebbe essere l’ambiente, ma a Pisticci ancora non l’abbiamo vista brillare, soprattutto dopo la vicenda Tecnoparco, dove il Comune non ha coinvolto ancora gli altri municipi del comprensorio sul rinnovo dell’autorizzazione dell’Aia da parte della Regione”. Va ricordato, infine, che nell’area della concessione in questione, in precedenza sospesa, è già presente un pozzo denominato “San Teodoro 1”.

“In merito alla vicenda Canoel e alla richiesta di proroga decennale della società canadese, confermo che la posizione del Comune di Pisticci è sfavorevole a qualsiasi proroga della concessione”. Richiamata in causa dall’associazione presieduta da Felice Santarcangelo, “No Scorie Trisaia”, sulla questione del pozzo “San Teodoro”, sito tra Marconia e Bernalda, il sindaco di Pisticci, Viviana Verri, ha subito risposto. Confermando che Palazzo Giannantonio non è favorevole alla proroga, “dato che si tratta di un pozzo ormai inattivo dal 2001 – ha aggiunto il primo cittadino -. Dal 1991 al 1993 sono stati estratti 8 milioni 730 mila metri cubi di gas naturale sugli 8 milioni 732 mila totali, per cui la concessione non è produttiva. La legge prevede la possibilità di impugnare la richiesta di proroga presso il Ministero dello Sviluppo Economico, per cui, in collaborazione con gli uffici, siamo al lavoro per effettuare tale impugnativa”. No Scorie Trisaia, però, era andata oltre accusando la maggioranza pentastellata di Pisticci anche di sostanziale immobilismo anche sulle questioni ambientali e, in particolare, sul rinnovo dell’Aia (Autorizzazione integrata ambientale) di Tecnoparco.
“Sulla questione ambientale – ha precisato Verri - non posso che dissentire rispetto a quanto affermato da Felice Santarcangelo circa il suo giudizio sull’operato di questa Amministrazione in materia ambientale: lo scorso 14 novembre, infatti, nel corso della conferenza delle autonomie questa Amministrazione ha espresso parere sfavorevole al rinnovo della concessione di coltivazione idrocarburi liquidi e gassosi presso Serra Pizzuta, in territorio pisticcese. Inoltre, è stata chiara e unanime la posizione del Consiglio comunale sul rinnovo Aia Tecnoparco: nella futura conferenza dei servizi porteremo avanti quanto sancito nel deliberato, frutto anche di alcuni suggerimenti formali che lo stesso Santarcangelo ci inviò lo scorso agosto e che furono recepiti nell’atto di Consiglio”.

Va ricordato che No Scorie aveva sollevato il caso appena un giorno fa, sottolineando come l’Amministrazione comunale di Pisticci, dopo aver annunciato il suo no al rinnovo della concessione San Teodoro, non aveva poi messo nero su bianco il proprio dissenso, lasciandolo per così dire allo stato verbale. Il sindaco Verri, però, ha preannunciato un’impugnazione alla richiesta di proroga, che, se dovesse concretizzarsi, sarà ovviamente vergata e, dunque, scritta.

Piero Miolla
pubblicato su La Gazzetta del Mezzogiorno